NuoviMondiFestival

SCUOLA DEL RITORNO 2016

LA SCUOLA DEI GIOVANI AGRICOLTORI DI MONTAGNA
22 OTTOBRE 2016  – Borgata PARALOUP di Rittana
Il contesto ispiratore

LAB-ARCHITETT
Paraloup è una suggestiva borgata storica sita a 1.360m in Valle Stura (Rittana, CN). La Fondazione Nuto Revelli ha recuperato il luogo con un progetto innovativo e sostenibile fregiato del Premio Gubbio per il Paesaggio e della Bandiera Verde Legambiente. Oggi quelle baite ospitano un polo turistico-culturale con rifugio escursionistico impegnato nell’introduzione di elementi innovativi per la gestione agricola del paesaggio. Sotto la guida del prof. Andrea Cavallero dell’Università di Torino, è stato varato l’iter per la creazione di un’Associazione fondiaria e si vuole avviare, a inizio 2017, un modulo formativo gratuito per 5 giovani aspiranti agricoltori di montagna: 15 giorni di formazione intensiva residenziale a Paraloup saranno seguiti da un mese di stage in un’azienda agricola scelta “su misura” rispetto alle ambizioni ed esigenze del giovane iscritto e insistente sul territorio in cui vuole operare. È prevista una visita-studio in Francia e l’intervento-patrocinio del CEJA – Conseil Européen des Jeunes Agricolteurs. In questo modo, si recupereranno elementi della tradizione per innovare l’approccio all’agricoltura di montagna.

Il progetto

Scuola Agricoltori_rid
Nell’ambito della Scuola del ritorno in montagna, iniziativa varata nel 2015 dalla Fondazione in collaborazione con la Rete del ritorno ai luoghi abbandonati, è prevista l’organizzazione di una Scuola per giovani agricoltori che insegni ai giovani che vogliono tornare in montagna per fare un mestiere agricolo le migliori tecniche innovative ma anche la consapevolezza del savoir faire tradizionale, con un momento di confronto con le realtà francesi, piuttosto avanzate da questo punto di vista. Sono previste due azioni principali: !
1 – un evento preparatorio sabato 22 ottobre 2016 in cui si ospiteranno a Paraloup alcune aziende agricole di montagna, italiane e francesi, e una Association Fonçière, così da restituire su panorama italiano l’esperienza delle buone pratiche francesi. Sarà occasione, inoltre, per esporre un focus in particolare sullo strumento dell’associazione fondiaria, una pratica agricola molto frequente in Francia che consente un uso ottimale dei terreni agricoli montani e che la Fondazione Nuto Revelli sta cercando di impiantare a Paraloup;
2 – un modulo formativo gratuito nella primavera-estate 2017 e uno nella primavera 2018 strutturati in 15 giorni intensivi di formazione residenziale teorica a Paraloup seguiti da un mese di stage in un’azienda agricola convenzionata. Il coordinamento didattico sarà curato dal prof. Andrea Cavallero dell’Università di Torino con la logica di una formazione “su misura” per le ambizioni del singolo partecipante (ad es: se un giovane manifesta il desiderio di coltivare piccoli frutti in un dato territorio, l’insegnamento sarà strutturato in quell’ottica). Sono previste visite studio in aziende francesi, che saranno invitate a presentare la loro realtà e a condurre laboratori in Italia, così da attuare uno “scambio di buone pratiche” e stabilire reti di collaborazioni. L’idea è che questa prima sessione della scuola sia una “sessione pilota” destinata ad essere replicata anno dopo anno e diventare così un punto di riferimento per i giovani che puntino a tornare (o a restare) in montagna per lavorare la terra.
L’intento è favorire lo sviluppo di giovani start-up imprenditoriali che vadano a incrementare il tessuto produttivo del territorio montano con ricadute positive sulla qualità della vita degli abitanti e la creazione di nuovi posti di lavoro in queste aree marginali. Si promuoverà così l’arricchimento della filiera corta e della vendita diretta e la diversificazione dell’offerta di prodotti locali, oltre al mantenimento sostenibile del territorio attraverso il suo riutilizzo per attività produttive (a fronte dell’attuale abbandono).
Lo stato dei lavori
Nel mese di dicembre 2015 la Fondazione ha contattato tutti i sindaci dei comuni di montagna del Piemonte chiedendo di segnalare i nominativi di giovani potenzialmente interessati a partecipare al bando della scuola. Al 15 gennaio 2016 sono pervenuti 15 nominativi. Questi giovani sono stati invitati a partecipare a un evento di presentazione svoltosi alla Facoltà di Agraria di Torino alla presenza di Ottavio Rube, che ha raccontato l’esperienza della Cooperativa Valli Unite di Costa Vescovato (AL), pioniera dell’associazionismo fondiario. Tutti i giovani coinvolti sono stati invitati a Paraloup a ottobre, in una giornata in cui sarà presentato il bando di selezione, la scuola e saranno affrontati i temi dell’Associazione Fondiaria e della formazione dei giovani agricoltori in un’ottica transfrontaliera Italia-Francia, invitando le case-studies più interessanti oltre frontiera. In autunno si procederà dunque alla selezione e al colloquio dei candidati e per la primavera del 2017 è previsto l’avvio del primo modulo formativo.
Ideazione:
Fondazione Nuto Revelli
In collaborazione con:
Rete del ritorno ai luoghi abbandonati, Università di Torino – facoltà di Agraria; CEJA –
Conseil Européen des Jeunes Agricolteurs; Unione dei comuni Montani della Valle Stura;
Coldiretti Piemonte; Associazione Dislivelli-Torino e le Alpi, UNCEM Piemonte.

NUOVI MONDI FILM FESTIVAL

IL PIU’ PICCOLO FESTIVAL DI CINEMA DI MONTAGNA DEL MONDO

Nuovi Mondi Official Spot

PARTNERS & SPONSORS

credits-nuovi-mondi