NuoviMondiFestival

LA STORIA DELLA VALLE È LA STORIA D’ITALIA

Angelo Giverso, classe 1948, è nato a Vinadio, comune che amministra nel ruolo di sindaco dal 2011

Le mie radici sono qui, a Vinadio. Ma purtroppo i miei figli sono scesi a vivere fuori dalla Valle, e i miei nipotini hanno ormai radici diverse dalle mie. 

Oggi la Valle Stura deve fare in modo che i giovani possano rimanere a vivere in montagna, impegnandosi dal punto di vista turistico, ma anche cercando di sviluppare altri settori economici per offrire opportunità lavorative. Senza dimenticare la qualità dei servizi. Abbiamo ad esempio alcuni pendolari che vengono tutte le mattine a Vinadio, ma anche se qui il prezzo delle case è molto basso, quasi nessuno resta a viverci.

Un tempo la vita in Valle era difficile, soprattutto per le donne, che avevano il peso della vita nei campi, e in tanti sono scesi a vivere in pianura, molti a Torino, e non sono più tornati. Ma oggi, anche se le condizioni di vita sono cambiate, anche se ci sono delle opportunità di lavoro simili a quelle della pianura, è difficile che tornino a vivere su, perché preferiscono magari andare a venire da Cuneo dove ci sono maggiori servizi.

Per il futuro delle Valle Stura dobbiamo puntare su un turismo particolare: ad esempio il turismo storico. Potremmo ad esempio far rivivere agli ospiti che passano per la Valle Stura la storia d’Italia, visitando i luoghi significativi. Sarebbe un’ottima cosa, perché la memoria visiva aiuta molto di più a ricordare gli eventi del passato rispetto al metodo tradizionale, legato alla memoria di quanto studiato.

NUOVI MONDI FESTIVAL 2020

SCOPRI IL PROGRAMMA COMPLETO

PARTNERS & SPONSORS